Archivi categoria: Valle D’Aosta

Cucina Regionale Valdostana

zuppa di cavolo

Dalle farine caratteristiche della montagna, ottenute dalla segale (uno dei cereali classici dell’antichità) e dalle castagne (ottimo alimento perché ricca di carboidrati e sali minerali ) piuttosto che dal grano, si ottengono paste e pani utilizzati spesso per la preparazione di minestre o uniti a brodo di carne, verdure o formaggio.

Dalla farina di mais, come in altre regioni del Nord, si ottiene la polenta condita con formaggio.

Gli Chnéf-fléne sono gnocchetti di farina e latte di tradizione Walser (contrazione del tedesco Walliser, cioè vallesano, abitante del canton Vallese) da irrorare col formaggio fuso.

Dai pascoli degli alpeggi provengono i formaggi tipici di questa regione: la Fontina DOP, il Fromadzo DOP, il Reblec, il Séras e numerose altre qualità di tome, profumate di fiori di montagna.

Dal più tipico formaggio, la Fontina, si ricava la Fondue, piatto di chiara influenza francese, che, pur affidando la sua riuscita alla cremosità particolare del formaggio, unisce come ingredienti anche burro e uova a differenza di preparazioni analoghe dei paesi confinanti.

I piatti di carne conservano la tradizione della caccia e le preparazioni francesi: la selvaggina in Civet (Tipo di cottura stufata, riservata alla lepre e alla selvaggina di pelo, che prevede una legatura finale con il sangue e il fegato tritato dell’animale.), la Carbonade di carne sotto sale cotta nel vino rosso (la carbonade valdostana deve il suo nome al colore del carbone che assume la polpa di manzo cotta in un gustoso sugo al vino rosso), le costolette.

Alla tradizionale conservazione della selvaggina si deve un tipico salume, la Mocetta: ottenuta oggi da carne di manzo o camoscio, era preparata un tempo con la coscia dello stambecco.

Da ricordare anche alcuni prosciutti particolarmente saporosi e profumati come lo VdA Jambon de Bosses Dop ed il dolcissimo Lardo d’Arnad DOP, profumato d’erbe.

Le vallate della regione si prestano alla coltivazione di mele e pere ed all’apicoltura che produce un ottimo ed aromatico miele.